Nel variegato mondo delle carte di credito (il quale, si sa, è ricco di insidie) arriva pure Lidl, catena di discount in rapida espansione qui in Italia.

L’idea non è nuova – la Lidl è già stata anticipata da altre catene similari – ma forse merita lo stesso qualche riga di attenzione. Il meccanismo della carta di credito Lidl, sviluppata insieme alla Findomestic Banca, è quello tradizionale: le spese effettuate in un mese solare vengono addebitate in un’unica soluzione il 5 del mese successivo.Esiste invero un’altra alternativa, che rappresenta probabilmente l’aspetto più interessante per coloro che vogliono usufruire del sistema di pagamento offerto da Lidl.

La carta di credito del discount è infatti programmabile per prevedere un rimborso rateale di quanto speso nel mese solare, in rate mensili fino alla concorrenza del debito, comprensivo di interessi del 9,45% (TAN, TAEG massimo al 9,87%). Una funzione revolving, che permette la restituzione periodica tramite addebito sul proprio conto corrente bancario o tramite bollettino postale.

La carta, che per ora consente esclusivamente di effettuare acquisti nella rete dei 450 supermercati Lidl presenti lungo lo stivale, dovrebbe tra non molto essere utilizzabile anche sul circuito internazionale. Come promozione iniziale per lanciare in grande stile il nuovo strumento di pagamento, Lidl consente un rinvio gratuito a gennaio 2008 di tutta la spesa effettata fino al 31 ottobre.

Lo strumento non ci pare nulla di nuovo, e va ad affiancarsi ad una estesa serie di iniziative similari condotte da altri grandi linee distributive. Particolarmente onesto ci pare il tasso per l’opzione revolving, che non supera il 10%, contro una media di mercato ben più elevata. Per ora la carta Lidl si può utilizzare solo nei supermercati dello stesso marchio, e questo ne limita fortemente l’utilizzo.