Ispirato dai una fiaba serba (che vi invito a leggere) mi lancio in questo post per chiedere ai lettori se a vostro avviso è possibile arricchirsi senza far nulla, ovvero aspettando che la ruota giri e che un sacco di soldi vi piova addosso, come accade a Gastone, il cugino fortunato di Paperino.

Nella fiaba un povero contadino “decide” di abbandonare la povertà e grazie al caso e ad un equivoco – alimentato dal passaparola – riuscirà ad arricchirsi e sistemarsi senza muovere un dito, ma soltanto mettendosi in viaggio.

Questo contadino non ha un piano, né un progetto, né un’idea. Vuole soltanto abbandonare il suo stato di povertà e indigenza. La fiaba è surreale ma fa riflettere quel tanto che basta per intuire che la strada intrapresa dal contadino è del tutto fortuita, ma in qualche modo stimolata da una volontà ferrea. Devo andare per il mondo e forse farò fortuna, dice a sé stesso il contadino.

Sulle ali del web possiamo farlo anche noi, senza spendere nulla, e metterci alla ricerca di siti e portali che sfornano idee e consigli sul tema in oggetto: diventare ricchi.

Basta impostare qualche search su Google tematizzata e come per magia salta fuori di tutto.

Ma a questo punto non potremo più limitarci a vagare, come il nostro amico contadino.
Andrà fatta una scelta mirata, perchè come ho spiegato in un precedente post, spesso sul sentiero che porta alla ricchezza si incontrano ambiguità e deviazioni che potrebbero indurci a scegliere la strada apparentemente più semplice. Invece, come ben sappiamo noi aspiranti ricchi, all’angolo col vicolo della Fortuna ci si arriva passando per Piazza dell’Impegno, Viale del Sudore e Vico del Tempo da Investire.

Le eccezioni dimostrano che la realtà è proprio quella che andiamo descrivendo da tempo su questo blog: molto, molto difficilmente si diventa ricchi per puro caso. Molto difficilmente con poche ore di lavoro al giorno – come promettono certi siti – si tirano su cifre superiori a quelle (quasi) sufficienti per ripagarsi un hosting o qualche pizza.

Il chiodo sul quale vogliamo battere è sempre lo stesso: fatevi venire un’idea e investite voi stessi in essa. La volontà del contadino è solo uno start-up, il resto è nelle vostre mani. Passano i giorni e non vedete ingrassare il vostro conto in banca? Fate leva sulle variabili che potete modificare: tempo e conoscenza.

Non aspettate di arricchirvi per caso
o semplicemente smanettando sul pc. Stiamo parlando di diventare ricchi, di poter mollare tutto investendo sull’idea vincente, sulla killer application, non stiamo parlando di raccimolare qualche centesimo qua e là, navigando su siti strani e infilando banner in ogni pixel del nostro blog. Questi sono solo accessori.